back to home  
   
 
 
Home Blog Profiles Press Contact Archive Photogallery Students
 
 
 
 
POLITICS WOMEN INTERNATIONAL RELATIONS ENVIRONMENT IMMIGRATION EQUITY, DIVERSITY AND INCLUSION ECONOMICS LAW & SOCIETY JOURNALISM
             
 
PARTICIPANT BIOS view all
Edgar Morin
International Association for Complex Thought Read More ...
PRESS view all
Vieusseux, Edgar Morin porta a Palazzo Strozzi il «pensiero complesso»
Corriere fiorentino
May 18, 2013
 
 
Report
BACK
 

L’antico umanesimo aveva prodotto un universalismo astratto, ideale e culturale. Il nuovo umanesimo non può che essere un universalismo concreto, reso tale dalla comunità di destino irreversibile che lega ormai tutti gli individui e tutti i popoli dell´umanità intera, e l´umanità intera all’ecosistema globale, alla Terra. Questo universalismo concreto non oppone la diversità all’unità, il singolare al generale. Si basa sul riconoscimento dell’unità delle diversità umane e delle diversità nell’unità umana. E, nello stesso tempo, anche sul riconoscimento dell’unità dell’ecosistema globale entro la diversità degli ecosistemi locali, e della diversità degli ecosistemi locali entro l’unità dell’ecosistema globale. 

Il superamento della crisi attuale richiede, per Morin, una metamorfosi ancora inconcepibile e improbabile, nella prospettiva di un Umanesimo planetario capace di concepire la complessità umana. Tuttavia, sostiene Morin, talvolta l’improbabile accade, nella storia umana. Così, la Via che delinea è anche un appello alla volontà di fronte alla grandezza della sfida: «sebbene quasi nessuno ne abbia ancora coscienza, non si è mai avuta una causa così grande, così nobile, così necessaria, della causa dell’umanità per sopravvivere, vivere e umanizzarsi».

 

L’antico umanesimo aveva prodotto un universalismo astratto, ideale e culturale. Il nuovo umanesimo
non può che essere un universalismo concreto, reso tale dalla comunità di destino irreversibile
che lega ormai tutti gli individui e tutti i popoli dell’umanità intera, e l’umanità intera all’ecosistema
globale, alla Terra. Questo universalismo concreto non oppone la diversità all’unità, il singolare al
generale. Si basa sul riconoscimento dell’unità delle diversità umane e delle diversità nell’unità
umana. E, nello stesso tempo, anche sul riconoscimento dell’unità dell’ecosistema globale entro la
diversità degli ecosistemi locali, e della diversità degli ecosistemi locali entro l’unità dell’ecosistema
globale.
Il superamento della crisi attuale richiede, per Morin, una metamorfosi ancora inconcepibile e
improbabile, nella prospettiva di un Umanesimo planetario capace di concepire la complessità
umana. Tuttavia, sostiene Morin, talvolta l’improbabile accade, nella storia umana. Così, la Via che
􀁇􀁈􀁏􀁌􀁑􀁈􀁄􀀃􀁱􀀃􀀃􀁄􀁑􀁆􀁋􀁈􀀃􀁘􀁑􀀃􀁄􀁓􀁓􀁈􀁏􀁏􀁒􀀃􀁄􀁏􀁏􀁄􀀃􀁙􀁒􀁏􀁒􀁑􀁗􀁪􀀃􀁇􀁌􀀃􀁉􀁕􀁒􀁑􀁗􀁈􀀃􀁄􀁏􀁏􀁄􀀃􀁊􀁕􀁄􀁑􀁇􀁈􀁝􀁝􀁄􀀃􀁇􀁈􀁏􀁏􀁄􀀃􀁖􀂴􀁇􀁄Il superamento della crisi attuale richiede, per Morin, una metamorfosi ancora inconcepibile e improbabile, nella prospettiva di un Umanesimo planetario capace di concepire la complessità umana. Tuttavia, sostiene Morin, talvolta l’improbabile accade, nella storia umana. Così, la Via che delinea è anche un appello alla volontà di fronte alla grandezza della sfida: «sebbene quasi nessuno ne abbia ancora coscienza, non si è mai avuta una causa così grande, così nobile, così necessaria, della causa dell’umanità per sopravvivere, vivere e umanizzarsi».
 
 
  print share print
 
 
 
 
 
BLOG
 
Edgar Morin: Education for the Future
Edgar Morin is a French philosopher and sociologist, whose works are
Read More ...
PHOTOGALLERY  
twitter linkedin facebook facebook
 
 

 
                         
   

© 2012 NEW YORK UNIVERSITY
ALL RIGHTS RESERVED

LINKS
NYU Florence
NYU Global
NYU Wagner

 

 

LOCATION

Villa La Pietra
Via Bolognese, 120
50139 Florence - Italy

 

 

CONTACTS

Phone +39 055 5007 557
Fax +39 055 5007 576
lapietra.dialogues@nyu.edu

 

 

 

  NEW YORK UNIVERSITY